fbpx

Escursione sul Monte Ortigara

In questo articolo trattiamo l’Escursione sul Monte Ortigara, un percorso famoso per la sua storia e per gli aspri conflitti durante la Prima Guerra Mondiale.

L’escursione sul Monte Ortigara è un itinerario particolarmente suggestivo, che si immerge nella storia degli alpini durante il conflitto della Prima Guerra Mondiale. Uno dei percorsi più importanti da affrontare, in un luogo in cui si è svolta una delle più tragiche battaglie del conflitto, basta pensare che, prima la cima del monte, era 8 metri più alta.

Escursione sul Monte Ortigara

Un’escursione molto stimolante per gli appassionati della Prima Guerra Mondiale e non solo, che si svolge nell’Altopiano dei Sette Comuni, in provincia di Vicenza. L’Altopiano è certamente una delle località turistiche più conosciute e frequentate della regione Veneto, grazie anche alla consapevolezza e al riaspetto del territorio, che è riuscito a mantenere caratteristiche estetiche ed architettoniche ancora abbastanza in sintonia con il paesaggio circostante.

Escursione sul Monte Ortigara

L’escursione sul Monte Ortigara si svolge in tratto dell’altopiano particolarmente delicato e rilevante, visto la violentissima battaglia affrontata dall’esercito italiano e quello austriaco dal 10 al 25 giugno 1917, un’azione denominata in codice Azione K. Il duro conflitto videro impegnati 400.000 soldati e oltre 2000 pezzi d’artiglieria, per la conquista del Monte Ortigara. Si tratta di una delle più grandi battaglie in quota mai combattute.

I comandanti delle forze italiane ritennero il conflitto necessario per cercare di fermare l’avanzamento degli austriaci, che in seguito alla disfatta della Strafexpedition, si erano ritirati su posizioni difensive più vantaggiose, dalle quale potevano minacciare alle spalle le armate del Cadore, della Carnia e dell’Isonzo. Il 10 giugno 1917 i soldati italiani andarono all’attacco e dopo quasi venti giorni di combattimenti ininterrotti, e da non dimenticare l’eroismo in alcune azioni degli italiani, la vetta del Monte Ortigara coperta di cadaveri, rimase nelle mani nemiche.

Ricordata come la Battaglia dell’Ortigara per la sua inutile e totale disfatta, ebbe decine di migliaia di caduti, feriti e dispersi. A pochi giorni dalla sua conclusione il generale Ettore Mambretti, considerato il responsabile del disastro, venne sollevato dal comando. Recarsi tra queste montagne significa anche non dimenticare i tanti giovani caduti contro la loro volontà per scelte sbagliate, un percorso che testimonia le atrocità avvenute in tempi non molto lontani.

Escursione sul Monte Ortigara

L’escursione sul Monte Ortigara inizia dal piazzale Lozze a 1.770 metri, raggiungibile con l’auto dal centro di Gallio, in direzione Melette/Campomulo. Dal piazzale si accede al sentiero CAI 840, e si prosegue lungo una mulattiera militare sino alla chiesetta del Lozze, costruita dagli alpini del battaglione Verona dopo l’aspro conflitto del giugno del 1917. Poco lontano troviamo un Ossario, contenente i resti umani ancora oggi reperibili sul campo di battaglia.

Il percorso prosegue attraverso cespugli di pino mugo e trincee, e dopo un paio d’ore di cammino si arriva sul Cippo Italiano, una colonna mozzata, a quota 2.106 metri posizionata sulla cima del Monte Ortigara. Verso nord invece è stato collocato il Cippo Austriaco, in onore dei caduti austriaci. Il pensiero va subito ai caduti del grande conflitto, mentre la vista gode del panorama sulla Valsugana e sulla catena del Lagorai. Per il ritorno invece, ci spostiamo leggermente verso nord, dove possiamo intraprendere un sentiero abbastanza ripidi, quindi cerchiamo di fare attenzione, che porta ad altre postazioni militari. Una volta scesi troviamo un bivio che indica nuovamente la chiesetta del Lozze.

Monte Ortigara

L’escursione è adatta a chiunque, nonostante ciò la montagna va sempre rispettata e frequentata con serietà, ci sono molte guide disponibili ad accompagnarvi nel caso non vi sentite completamente sicuri. Il percorso è sempre molto frequentato da gente a passeggio e anche da famiglie. Da prestare attenzione al ghiaccio che si forma durante i periodi più freddi. Vi consigliamo un’andatura tranquilla, per gustarvi il meraviglioso paesaggio che vi circonderà.

  • Info Escursione sul Monte Ortigara  
  • Partenza: Piazzale Lozze a 1.770 metri
  • Arrivo: Monte Ortigara a 2.105 metri
  • Durata: 2:00 h circa
  • Dislivello: 350 metri
  • Difficoltà: E (Medio/Facile)
  • Segnavia Numero: CAI 840
  • Pranzo: Al Sacco
  • Adatto per: Escursionisti, Famiglie
Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

◊ IL TERRITORIO ◊

Provincia di Vicenza

Su tutto emergono le numerose ville palladiane e i fastosi palazzi.

◊ CATEGORIE SPECIALI

La Regione Veneto, incastonata a nord-est dell’Italia, è un mix di storia e tradizioni ed, il tutto, è arricchito dalla vivacità dei suoi abitanti e da una vasta gamma di prodotti tipici tutti da assaporare. Dalle vette più alte delle Dolomiti abbraccia e accoglie con calore fraterno ogni visitatore, accomodandolo tra i tanti salotti delle sue città d’arte, regalandogli indimenticabili emozioni. Girando tra le pagine di questo sito, potrai organizzare le tue prossime vacanze nella regione Veneto e grazie alle tante foto pubblicate, tutto risulterà molto semplice.

◊ CATEGORIA SPORT ◊

In questo capitolo trattiamo lo Sport della regione Veneto, cioè dalle attività sportive più facili per le famiglie a quelle più articolate e impegnative.

◊ CATEGORIA CUCINA

In questo capitolo trattiamo l’incredibile mondo della Cucina veneta, dai prodotti tipici del territorio alle ricette caratteristiche delle nostre mamme.

◊ CATEGORIA NATURA ◊

In questo capitolo trattiamo la Natura che ci circonda, un territorio ricco di biodiversità e particolarmente fragile, quindi assolutamente da rispettare.

◊ CATEGORIA STORIA ◊

In questo capitolo trattiamo la nostra Storia che, nel corso del tempo, ha trasformato, modellato e segnato il territorio della regione Veneto.

◊ CATEGORIA MY WAY ◊

In questo capitolo trattiamo My Way, una finestra utile per iniziare a progettare e a definire un simpatico weekend tra le meraviglie della regione Veneto