fbpx

Escursione al Rifugio Bruto Carestiato

In questo articolo trattiamo l’Escursione al Rifugio Bruto Carestiato, un interessante percorso immerso nella vallata agordina delle Dolomiti di Zoldo.

L’Escursione al Rifugio Bruto Carestiato è una piacevole passeggiata attraverso verdi vallate e fitti boschi misteriosi, delle selvagge Dolomiti di Zoldo. Il panorama è mozzafiato, e spazia dalla rigogliosa Val Corpassa che viene protetta dall’imponente gruppo del Civetta, con le sue torri Venezia e Trieste, alle aspre e frastagliate vette del gruppo del Moiazza.

Gruppo del Moiazza

Una zona particolarmente suggestiva e selvaggia, è stata riconosciuta patrimonio dell’umanità dal UNESCO assieme alle Dolomiti di Zoldo. Il Gruppo della Moiazza è una catena montuosa delle Dolomiti di Zoldo ed è situato tra il Gruppo del Civetta e il Gruppo del San Sebastiano-Tamer, tra Agordo e Zoldo Alto. Le sue cime più imponenti sono la Moiazza Sud, di 2.878 metri, e la Cima delle Sasse di 2.878 metri.

Gruppo del Moiazza

L’elemento che più valorizza l’architettura di queste meravigliose valli sono i Tabià, edifici dove un tempo venivano impiegati come fienili o stalle, oggi hanno trovato una nuova destinazione d’uso. Gli esempi più antichi risalgono alla meta del 1600, tipicamente realizzati di legno su un basamento in pietra, con il tipico sistema blockbau, dove i tronchi vengono sovrapposti e incastrati, oppure il sistema standerbau, in cui i tronchi portanti erano messi in modo verticale e quelli di sostegno in modo orizzontale.

Queste tipiche costruzioni contenevano al piano terra la cucina, la stua e i locali per la lavorazione del latte, nella parte superiore invece c’erano le camere da letto, raggiungibili dall’esterno. Nella parte posteriore della tabià si trovava il bestiame e il fienile. Oggi, questi caratteristici edifici delle valli bellunesi, si sono trasformati in prestigiose dimore private o suggestive case per trascorrere le vacanze.

Il Moiazza

L’Escursione al Rifugio Bruto Carestiato inizia dal Passo Duran, dove possiamo parcheggiare la nostra macchina nelle aree dedicate lungo la strada, valico che collega la valle Agordina con il tipico paese di montagna Forno di Zoldo. Il sentiero CAI 549 inizia subito dietro il rifugio Cesare Tomè, tra i verdi prati della vallata si raggiunge il bivio con la strada forestale, dove svoltiamo come indicato nei cartelli a sinistra. La passeggiata prosegue dolcemente attraverso i boschi del Moiazza e accompagnato da scorci magnifici sul monte San Sebastiamo e sulla valle Agordina.

Gruppo del Moiazza

Le alte pareti rocciose e i cespugli di pino mugo ci accompagnano al Rifugio Bruto Carestiato a 1.834 metri. Il rifugio è posizionato in un ottimo punto strategico dove domina dall’alto tutta la vallata, garantendo un panorama indimenticabile. Da qui inoltre partono diversi percorsi che attraversano questo enorme gruppo montuoso, tra cui alcune ferrate che portano in cima al Moiazza Sud, a 2.878 metri, la più famosa e difficile tra queste è la ferrata Gianni Costantini.

Gruppo del Moiazza

L’escursione è adatta a chiunque, nonostante ciò la montagna va sempre rispettata e frequentata con serietà, ci sono molte guide disponibili ad accompagnarvi nel caso non vi sentite completamente sicuri. Il percorso è sempre molto frequentato da gente a passeggio e anche da famiglie. Da prestare attenzione al ghiaccio che si forma durante i periodi più freddi. Vi consigliamo un’andatura tranquilla, per gustarvi il meraviglioso paesaggio che vi circonderà.

  • Info Escursione al Rifugio Bruto Carestiato
  • Partenza: Passo Duran 1.601 metri
  • Arrivo: Rifugio Bruto Carestiato 1.834 metri
  • Durata: 1:15 h
  • Dislivello: 230 metri
  • Difficoltà: Facile
  • Segnavia Numero: CAI 549
  • Pranzo/Cena: Al Rifugio se aperto / Al Sacco
  • Adatto per: Escursionisti, Famiglie, Ciaspolate, Cani
Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

◊ IL TERRITORIO ◊

Provincia di Belluno

Un territorio totalmente montano, ricamato da incredibili vallate e paesini curati.

◊ CATEGORIE SPECIALI

La Regione Veneto, incastonata a nord-est dell’Italia, è un mix di storia e tradizioni ed, il tutto, è arricchito dalla vivacità dei suoi abitanti e da una vasta gamma di prodotti tipici tutti da assaporare. Dalle vette più alte delle Dolomiti abbraccia e accoglie con calore fraterno ogni visitatore, accomodandolo tra i tanti salotti delle sue città d’arte, regalandogli indimenticabili emozioni. Girando tra le pagine di questo sito, potrai organizzare le tue prossime vacanze nella regione Veneto e grazie alle tante foto pubblicate, tutto risulterà molto semplice.

◊ CATEGORIA SPORT ◊

In questo capitolo trattiamo lo Sport della regione Veneto, cioè dalle attività sportive più facili per le famiglie a quelle più articolate e impegnative.

◊ CATEGORIA CUCINA

In questo capitolo trattiamo l’incredibile mondo della Cucina veneta, dai prodotti tipici del territorio alle ricette caratteristiche delle nostre mamme.

◊ CATEGORIA NATURA ◊

In questo capitolo trattiamo la Natura che ci circonda, un territorio ricco di biodiversità e particolarmente fragile, quindi assolutamente da rispettare.

◊ CATEGORIA STORIA ◊

In questo capitolo trattiamo la nostra Storia che, nel corso del tempo, ha trasformato, modellato e segnato il territorio della regione Veneto.

◊ CATEGORIA MY WAY ◊

In questo capitolo trattiamo My Way, una finestra utile per iniziare a progettare e a definire un simpatico weekend tra le meraviglie della regione Veneto