fbpx

Sottoguda, uno dei borghi più belli d’Italia, è incastonata all’imbocco della Gola dei Serrai ai piedi della Marmolada che, con i suoi 3.342 metri, è il più alto gruppo montuoso delle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità.

Il Borgo di Sottoguda - Serrai di Sottoguda

Questo grazioso borgo, che mantiene ancora intatte le architetture rurali tipiche della tradizione ladina, offre pace, tradizione e prodotti tipici.

Il Borgo di Sottoguda

Si caratterizza soprattutto per i suoi antichi fienili in legno, tipici di queste vallate, e per la piccola chiesetta dedicata ai Santi Fabiano, Sebastiano e Rocco.

Il Borgo di Sottoguda

Nel corso della storia, Sottoguda, non subì grandi conquiste, forse anche grazie alla sua posizione isolata, che salvaguardò per molti anni l’identità culturale del territorio, godendo anche di una forte autonomia, e mantenendo ancora oggi per buona parte della popolazione l’antico idioma.

Questo centro montano, delle Alpi orientali, ultima propaggine della Val Pettorina, appartiene all’area dolomitica ladina ed è tutelato dall’Istituto Ladin de la Dolomites, cha da anni opera in tutta la provincia bellunese.

Prima di arrivare in questo simpatico borgo, è obbligo fermarsi nel comune di Rocca Pietore, fra i più vasti dell’Agordino, caratterizzato dalla quattrocentesca Chiesa di Santa Maria Maddalena, in stile gotico alpino con il campanile a guglie.

Serrai di Sottoguda

Da non perdere sono i Serrai di Sottoguda, un canyon di circa 2 chilometri dichiarato riserva naturale e luogo ideale per cogliere l’energia della natura. In questa gola, un tempo, passavano le mandrie di mucche e le greggi diretti ai pascoli di alta montagna. Oggi invece, nel periodo estivo, il Parco Naturale dei Serrai diventa una meta ideale per le famiglie, le quali possono visitarlo a piedi, in bici o a bordo del trenino.

Il Borgo di Sottoguda

Questa suggestiva gola è un’attrazione unica nel suo genere, in quanto fu generata da una forte scossa di terremoto ed, in seguito, modellata dall’erosione del torrente Pettorina, che ha scavato le pareti rocciose per centinaia di metri d’altezza. Un’altra attrattiva sono le cascate, considerate fra le più rinomate d’Europa, che nella stagione invernale diventano palestra per gli arrampicatori su ghiaccio.

Il Borgo di Sottoguda

Un’altra visita di grande interesse è quella al Museo Grande Guerra in Marmolada, situato nella stazione intermedia di Serauta, a quota 2.950 metri. All’interno di questo museo, considerato il più alto del continente,  troviamo un percorso interattivo, multimediale e multisensoriale, che espone il tema della guerra in alta montagna attraverso un mosaico di ambienti.

Dalla rampa d’ingresso, che ricorda un ponte sospeso nel crepaccio, alla “città di ghiaccio”, scavata dai soldati durante la guerra nel ventre del ghiacciaio, alla “galleria di vita” un suggestivo tragitto all’interno di un tunnel, sino alla “trincea della morte”.

CONDIVIDI ARTICOLO

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

ARTICOLI CONSIGLIATI

PRODUZIONE VIDEO PROFESSIONALI - BY GRAMVISION FILM

Il nostro obiettivo è quello di realizzare un video su misura per voi, così da rispondere interamente alle vostre esigenze.