fbpx

Teatro Olimpico

In questo capitolo trattiamo una delle opere più incredibili e meravigliose che ha realizzato il grande architetto Andrea Palladio, il Teatro Olimpico.

Il Teatro Olimpico, il primo e il più antico teatro coperto dell’epoca moderna, inteso come periodo storico del medioevo, precedente all’età contemporanea. Fu l’ultima grande opera dell’architetto Andrea Palladio, che lo iniziò per l’Accademia Olimpica, di cui era membro, alla fine del febbraio del 1580, proprio pochi mesi prima di morire.

L’Accademia Olimpica è un’antica istituzione culturale di Vicenza, dedita alla promozione e alla celebrazione tramite corsi di insegnamento e manifestazioni varie della cultura e alla vita artistica della città e del suo territorio.

Il Teatro Olimpico

Il palazzo costruito a pochi metri dal palazzo Chiericati, in quello che un tempo era la Piazza dell’Isola, perché confluivano al suo centro due importanti corsi d’acqua della città, il Bacchiglione e il Retrone. La realizzazione del teatro, che venne concessa all’interno di un preesistente complesso medioevale, il castello del Territorio, venne commissionata principalmente per la messa in scena di commedie classiche.

La struttura era una vecchia fortezza di impianto medioevale, più volte ristrutturata e modificata, e quasi sempre utilizzata nel tempo come prigione e polveriera, prima del suo declino. Dopo la morte di Andrea Palladio nel 1580, i lavori furono portati avanti sulla base di alcuni appunti lasciati al figlio Silla e si conclusero intorno al 1584.

Teatro Olimpico di Vicenza
Teatro Olimpico

Durante questo periodo, però, sorse un problema, ovvero, quello di realizzare una scena “a prospettive”, che era stata prevista sin dall’inizio dall’Accademia, ma di cui l’architetto non aveva lasciato un vero progetto. Nell’urgenza venne chiamato un altro noto architetto vicentino, ovvero Vincenzo Scamozzi, che disegnò delle scene lignee di grande effetto, soprattutto per il loro illusionismo prospettico e per la loro cura dei particolari.

Queste, vennero realizzate in legno e stucco per un uso temporaneo, però non furono mai rimosse e, malgrado i pericoli d’incendio e bombardamenti bellici, si sono miracolosamente conservate fino ai giorni nostri, divenendo testimoni uniche della loro epoca. Il Teatro Olimpico venne inaugurato il 3 marzo del 1585, con la rappresentazione dell’Edipo re di Sofocle, un drammaturgo greco antico, e in questa occasione, come avvenne anche in seguito, le scene che rappresentano le sette vie della città di Tebe, un luogo importante della mitologia greca, per le storie di Cadmo, Edipo, Dioniso e altri, furono illuminate con un originale e complesso sistema di luci artificiali, pensato sempre da Scamozzi.

Teatro Olimpico

Un’opera straordinaria, sogno di generazioni di umanisti e architetti rinascimentali, con questo progetto il Palladio ricostruisce un grande teatro dei romani, grazie a uno studio accurato dal testo di Vitruvio e dalle rovine delle strutture dei teatri antichi. A valorizzare la costruzione romana sono i particolari del proscenico a doppio ordine, con grandi edicole che costudiscono le statue dei membri dell’Accademia Olimpica.

Articolato in tre registri, si presenta in quello inferiore con al centro un ampio arco trionfale, la porta regia, e ai lati due porte più strette, gli hospitalia, tutto decorato con statue e metope di marmo ad altorilievi, che raccontano le imprese di Ercole. Al di sopra dell’arco trionfale troviamo lo stemma della città di Vicenza e la scritta latina motto dell’Accademia, “Hoc opus, hic labor est”, locuzione latina che significa, Ecco la difficoltà, ecco ciò che v’ha faticoso.

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

◊ IL CENTRO STORICO DI VICENZA

Il Centro Storico di Vicenza

Una città ricca di tradizioni e curiosità, segnata nel corso della storia dai progetti di Andra Palladio.

◊ LA PROVINCIA DI VICENZA ◊

È una delle zone più industrializzate e ricche d’Italia ma, nello stesso tempo, mantiene ancora molte aree verdi e selvagge. Su tutto emergono le numerose ville palladiane, i fastosi palazzi, le grandi vallate verdi che corrono su tutto il territorio, come la Valsugana, e i grandi boschi incantati dell’Altopiano dei Sette Comuni. Da non perdere poi, le tipiche città vicentine, incastonate sul territorio come diamanti preziosi, le quali conservano opere e prodotti tipici di altissimo prestigio.

◊ CATEGORIE SPECIALI

La Regione Veneto, incastonata a nord-est dell’Italia, è un mix di storia e tradizioni ed, il tutto, è arricchito dalla vivacità dei suoi abitanti e da una vasta gamma di prodotti tipici tutti da assaporare. Dalle vette più alte delle Dolomiti abbraccia e accoglie con calore fraterno ogni visitatore, accomodandolo tra i tanti salotti delle sue città d’arte, regalandogli indimenticabili emozioni. Girando tra le pagine di questo sito, potrai organizzare le tue prossime vacanze nella regione Veneto e grazie alle tante foto pubblicate, tutto risulterà molto semplice.

◊ CATEGORIA SPORT ◊

In questo capitolo trattiamo lo Sport della regione Veneto, cioè dalle attività sportive più facili per le famiglie a quelle più articolate e impegnative.

◊ CATEGORIA CUCINA

In questo capitolo trattiamo l’incredibile mondo della Cucina veneta, dai prodotti tipici del territorio alle ricette caratteristiche delle nostre mamme.

◊ CATEGORIA NATURA ◊

In questo capitolo trattiamo la Natura che ci circonda, un territorio ricco di biodiversità e particolarmente fragile, quindi assolutamente da rispettare.

◊ CATEGORIA STORIA ◊

In questo capitolo trattiamo la nostra Storia che, nel corso del tempo, ha trasformato, modellato e segnato il territorio della regione Veneto.

◊ CATEGORIA MY WAY ◊

In questo capitolo trattiamo My Way, una finestra utile per iniziare a progettare e a definire un simpatico weekend tra le meraviglie della regione Veneto