fbpx

Arsenale di Venezia

In questo capitolo trattiamo uno degli edifici che hanno fatto la storia di Venezia, un posto unico e strategico, Arsenale di Venezia.

L’antico Arsenale di Venezia è un ampio e complesso cantiere navale e di varie officine, situato nel sestiere di Castello e che comprende una zona molto estesa della città di Venezia. La sua posizione garantiva facilmente l’approvvigionamento del legname, che organizzato in zattere discendeva i fiumi della regione, sino alla laguna. La necessità di legname della Repubblica di Venezia era immensa, servivano per consolidare i danni delle mareggiate, per le fondamenta della città, per la costruzione delle navi, per i fuochi delle vetrerie, per il riscaldamento e così via.

Arsenale di Venezia

La strategia della Serenissima era quella di trasportare lungo il fiume Piave le conifere provenienti dal Cadore, nel fiume Brenta venivano calati gli abeti dell’Altopiano dei Sette Comuni, il fiume Bacchiglione portava a Chioggia il legname della pianura vicentina, e attraverso il fiume Adige quelli della Lessinia e delle alte terre veronesi. Una volta arrivati a destinazione i tronchi venivano lavorati all’interno delle mura attraverso una perfetta linea produttiva incredibilmente efficiente, tanto da riuscire a varare anche tre vascelli al giorno. Le ambizioni politiche, la vocazione mercantile e le esigenze della popolazione, portarono il doge Ordelafo Feliero ad incentivare e investire in questo settore, sviluppando così il cantiere in una cittadella fortificata e tramandando le preziose tecniche di ingegneria navale di generazione in generazione.

Arsenale di Venezia

La grandezza di Venezia era la sua potenza militare e commerciale, infatti dal 1104 essa dipese dalle flotte di navi prodotte all’interno dell’Arsenale. Ogni tipo di imbarcazione veniva prodotta qui, dalle galee leggere destinate alle battaglie navali, ai vascelli più tozzi che commerciavano nel Mediterraneo, nelle Fiandre e nel Mar Nero. Cuore della potenza marittima, l’Arsenale venne fondato nel XII secolo e ampliato parecchio nei secoli successivi, fino a divenire il più grande cantiere navale del mondo e, soprattutto, prima fabbrica al mondo.

Anticipò di parecchi secoli il concetto moderno di fabbrica, intesa come edificio produttivo in cui le maestranze specializzate eseguivano in progressione le singole operazioni di montaggio e assemblaggio di vari componenti standard lungo una linea produttiva. Ogni barca aveva il suo ruolo nell’arricchimento e nella prosperità di Venezia anche se, la più bella, era senza dubbio il Bucintoro, la barca da cerimonia del doge, magnificamente decorata e addobbata. Nel periodo di maggior splendore, vi erano impiegate fino a sedicimila persone che costruivano, equipaggiavano e riparavano le grandi imbarcazioni veneziane. L’Arsenale era come una città nella città, con laboratori, magazzini, officine, fonderie e moli, tutto circondato da alte mura merlate.

◊ SESTIERE CASTELLO

Sestiere Castello

In questo capitolo trattiamo una delle più tranquille, caratteristiche, controverse e interessanti aree di Venezia, il Sestiere Castello.

 

Dalle attività sportive più facili a quelle più articolate!

Dai prodotti tipici del territorio alle ricette caratteristiche!

Il tempo ha trasformato, modellato e segnato questa terra!

Un territorio ricco di biodiversità e particolarmente fragile!

◊ LA PROVINCIA DI VENEZIA ◊

Racchiude un patrimonio artistico e culturale come poche altre zone al mondo, la sua laguna è stata la culla della civiltà locale e il suo litorale offre rinomate località balneari. La sua provincia, ricca di risorse, nasconde ville eleganti e graziosi borghi, anche se la pietra più preziosa e brillante è rappresentata dall’isola di Venezia, un’isola a forma di pesce, la quale sorregge la città più bella, romantica e misteriosa al mondo. E’  costruita su una serie di isolotti paludosi, è soggetta alle maree del mare Adriatico e a frequenti inondazioni e, nonostante ciò, continua sopravvivere a dispetto di tutti i pronostici.

 

Miglior prezzo garantito