fbpx

Il Gruppo della Croda dei Toni, un complesso gruppo montuoso costituito da diverse elevazioni, si trova lungo il confine tra la regione Veneto e Trentino-Alto Adige, tra le Tre Cime di Lavaredo, il Monte Paterno e il Gruppo del Popera.

Croda dei Toni

Tra le varie vette di questo massiccio spicca proprio la Croda dei Toni, 3.094 metri; questa meraviglia si innalza come un gigantesco torrione al centro delle Dolomiti di Sesto ed è una delle montagne più possenti e panoramiche della zona.

Gruppo del Croda dei Toni

Seguono, poi, la Croda Antonio Berti o Cima Centrale, 3.029 metri, la Cima Sud con i suoi 2.945 metri, la Cima d’Auronzo, pilastro meridionale della croda, con i suoi 2.914 metri, la Piccola Croda dei Toni, 2.917 metri, e la Piccolissima di 2.718 metri con le torri delle Dame Vicentine. La prima ascesa alla vetta Croda dei Toni fu compiuta dalle guide J. e M. Innerkofler, nel 1874, attraverso un canalone ghiacciato della parete ovest.

Gruppo del Croda dei Toni

Oggi queste magiche zone sono mete molto ambite dai turisti di tutto il mondo, infatti, in inverno  diventano un paradiso immacolato per gli appassionati di sci da discesa, snowboard, sci da alpinismo e sci da fondo,  d’estate, invece, il paesaggio si risveglia e le verdi vallate diventano meta per escursioni, picnic con la famiglia, mountain bike, equitazione e molto altro.

Il gruppo della Croda da Toni è attraversato dall’alta via numero 5, dedicata a Tiziano Vecellio, che collega nel versante meridionale il rifugio Carducci con la Forcella dei Toni. Si tratta di un percorso abbastanza impegnativo, di carattere alpinistico, che si sviluppa per novanta chilometri dal paese di Sesto a Pieve di Cadore, città natale del famoso pittore Veneto.

CONDIVIDI ARTICOLO

Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

ARTICOLI CONSIGLIATI

PRODUZIONE VIDEO PROFESSIONALI - BY GRAMVISION FILM

Il nostro obiettivo è quello di realizzare un video su misura per voi, così da rispondere interamente alle vostre esigenze.