fbpx

Valdagno

In questo capitolo trattiamo una delle città più sviluppate, curiose e vivaci della Valle del fiume Agno e del vicentino, Valdagno.

Durante l’età del ferro, è possibile che la zona fosse abitata da una popolazione di origine celtica, probabilmente dai Galli Cenomani, che avevano a Trissino la capitale e dei villaggi fortificati a Valdagno. E’ molto probabile, perciò, che il nome del torrente Agno  possa derivare da ogno, che in lingua celtica indica l’ariete, il Dio cornuto dei celti. E’ possibile, quindi, che con il tempo e l’avvento del cristianesimo, questa particolare figura mitologica divenne agnello in epoca cristiana, tanto che poi viene ritrovata nel simbolo di Valdagno  e nel patrono San Clemente.

Durante la Repubblica di Venezia, Per questo paese, iniziò  un periodo di grande sviluppo artigianale del ferro e della lana che contribuì a consolidare l’economia, tanto che nel settecento sorsero i primi opifici per la lavorazione della lana e della seta. In seguito, nel 1836, sarà la famiglia Marzotto, ad avviare una vera e propria attività industriale.

Altri argomenti legati alla tua ricerca: