fbpx

Montecchio Maggiore

In questo capitolo trattiamo l’affascinante e coinvolgente storia di Montecchio Maggiore, immersa tra leggende e storie di altri tempi.

Montecchio Maggiore è uno delle città più vivaci e caratteristici del comprensorio, collocata non molto lontana dal centro storico del capoluogo di provincia e dai meravigliosi Colli Berici. Il suo nome deriva dal latino “Monticulus”, che probabilmente significa piccolo monte o monticello, solo in seguito fu aggiunto “maggiore”, probabilmente per distinguerlo da altri comuni italiani. Situato tra la Valle Chiampo e la Valle dell’Agno, questo graziosa città, è circondata da dolci colline e importanti edifici storici risalenti al Medioevo. A troneggiare, però, sui rilievi collinari che circondano questa località sono il Castello della Bellaguardia e il Castello della Villa, anche conosciuti come Castelli di Giulietta e Romeo.

I Castelli di Giulietta e Romeo - Montecchio Maggiore

I Castelli di Giulietta e Romeo sono grazie alla loro posizione e alle loro caratteristiche una delle maggiori attrattive della regione Veneto. I due castelli dovrebbero essere stati costruiti nella seconda metà del Trecento dagli Scaligeri, anche se qualcuno ritiene che su queste zone esistesse una più antica fortificazione attorno all’anno mille. Il Castello della Villa, detto anche Romeo, perché attribuito alla famiglia Montecchi, è un interessante esempio di architettura militare, costruito in posizione dominante e incorporando una torre che venne successivamente trasformata in mastio.

I Castelli di Giulietta e Romeo - Montecchio Maggiore

Il Castello di Bellaguardia, detto anche di Giulietta, si innalza sul colle opposto a trecento metri di distanza dal Castello della Villa. La fortificazione, è stata costruita da Cangrande II della Scala, al posto di una torre più antica, che serviva per difendere la pianura vicentina e veronese. Col passare degli anni le due fortezze continuano a fronteggiarsi come in passato. Oggi il Castello della Bellaguardia è utilizzato come ristorante, invece il Castello della Villa per attività culturali.

Villa Cordellina - Montecchio Maggiore

In pochi, infatti, sanno che la tragica storia dei due amanti non è stata scritta originariamente da William Shakespeare ma, da uno degli scrittori più illustri del vicentino, ovvero Luigi da Porto. Si pensa, infatti, che la storia sia stata scritta proprio all’interno di Villa da Porto, a Montorso Vicentino, dove la vista sulle maestose rocche scaligere doveva apparire, allora come oggi, particolarmente suggestiva e romantica. Da non perdere in zona, inoltre, la palladiana Villa Cordellina Lombardi, uno sontuosa dimora con affreschi di Giovanni Battista Tiepolo, Villa Loschi Zileri, sempre affrescata da Giovanni Tiepolo, ed infine il Duomo di Santa Maria e San Vitale in stile neogotico.

Montecchio Maggiore

◊ DA RECOARO TERME A MONTECCHIO MAGGIORE

In questo capito parliamo di una zona del vicentino che corre lungo la valle dell’Agno, da Recoaro Terme a Montecchio Maggiore.

Speciali
Cerchi altro???

◊ LA PROVINCIA DI VICENZA ◊

è una delle zone più industrializzate e ricche d’Italia ma, nello stesso tempo, mantiene ancora molte aree verdi e selvagge. Su tutto emergono le numerose ville palladiane, i fastosi palazzi, le grandi vallate verdi che corrono su tutto il territorio, come la Valsugana, e i grandi boschi incantati dell’Altopiano dei Sette Comuni. Da non perdere poi, le tipiche città vicentine, incastonate sul territorio come diamanti preziosi, le quali conservano opere e prodotti tipici di altissimo prestigio.

 

Miglior prezzo garantito