fbpx

Bardolino

In questo capitolo trattiamo uno dei borghi più famosi e suggestivi di tutto il Lago di Garda, grazie anche ai suoi nobili vini, Bardolino.

Bardolino è un vecchio borgo di pescatori che sorge lungo la Riviera degli Ulivi, che si estende da Peschiera del Garda fino a Malcesine, nella sponda orientale della famoso lago di Garda. Si tratta di una località rinomata nel mondo per l’ottima produzione di vino rosso e dell’olio d’oliva, che grazie alla presenza del lago e alla vicinanza delle montagne, gode di un clima mite, ideale per lo sviluppo di questi prodotti.

Bardolino - Passeggiata da Lazise a Garda

Una meta perfetta per ogni periodo dell’anno, che con i suoi colori primaverili, le caratteristiche colline decorate dai vigneti e dagli ulivi, l’azzurro limpidi del lago e i grandi tramonti mozzafiato, che contraddistinguono questo affascinante paesaggio della provincia di Verona. Insomma, un piccolo e vivace borgo che vi farà sognare, grazie anche ai tanti negozi delle vie del centro, dai vai locali e bar dove assaporare un aperitivo vista lago oppure alla discoteche aperte fino a tardi.     

Poco lontano dal centro di Bardolino troviamo la chiesetta di San Severo, XI secolo, che desta particolare interesse per gli elementi decorativi, su tutti gli affreschi che raffigurano la vita di Gesù, della Vergine Maria e degli apostoli, e per la cripta costruita su un edificio longobardo. Ancora oggi possiamo ammirare lungo le vie del centro la torre, le porte e l’andamento delle strade, che sono ciò che rimane del castello e delle rocche di Bardolino.

Chiesetta di San Severo - Bardolino

Costruito verso la fine del IX secolo, quando il re Berengario concesse agli abitanti della zona di poter edificare delle fortezze di protezione, che nel corso dei secoli successivi subirono numerosi interventi, fino all’arrivo dei Scaligeri, che modificarono la struttura, assumendo la configurazione che ancora oggi ammiriamo.

Chiesetta di San Severo - Bardolino

Uscendo dalla città in direzione Albarè, invece, si trova immerso tra i cespugli di rosmarino, cipressi e ulivi, l’Eremo di San Giorgio, fondato nel 1663 dai monaci benedettini camaldolesi. Questi, come un tempo, vendono prodotti e profumi tipici a base di erbe autoctone. Questa rappresenta un’occasione unica per essere ospitati nell’Eremo benedettino, assecondando però le regole monastiche.

Le origini della vite in questo territorio sono da attribuire all’età del bronzo, lo dimostrano alcuni reperti trovati nell’area bardolinese, che trovarono da subito le giuste caratteristiche ambientali. Le prime raffigurazioni scritte risalgono al medioevo, con realizzazioni di grappoli d’uva e tralci di vite, che sono ancora visibili nella Pieve di Santa Maria.

Bardolino

Un ruolo chiave nella cultura della vite l’hanno avuto i monaci, che grazie al prosperare dei monasteri e alle donazioni dei nobili, riuscirono a dedicarsi alla viticultura e alle tecniche di vinificazione. Oggi il vino Bardolino è diventato un’eccellenza a livello mondiale, con decine di produttori che esportano le loro bottiglie. Il Bardolino DOC e il Bardolino classico DOC sono caratterizzati da un profumo fruttato e dalla grande bevibilità. Il Bardolino Superiore DOCG si presenta con una gradazione alcolica più alta, e con profumi e sapori più decisi.

Cerchi altro???