fbpx

Legnago

In questo capitolo trattiamo una città davvero sorprendente ed elegante, situata a sud della provincia di Verona, Legnago.

Legnago è una graziosa città situata lungo il fiume Adige, in un contesto naturale magnifico, dove emerge un importante storia che ha segnato tutta la provincia di Verona. La città è soprattutto nota per aver dato i natali al compositore di musica sacra, lirica e classica Antonio Salieri. Musicista e insegnate di musica del classicismo, un periodo che si colloca tra il barocco e il romanticismo, nella seconda metà del Settecento. Salieri era un cittadino della Repubblica di Venezia, ma trascorse la maggior parte della sua vita alla corte imperiale asburgica di Vienna, dove ha avuto come allievi molti musicisti, tra cui Beethoven, Liszt, Schubert, Czerny e Hummel, a dimostrare l’alta scuola del compositore.

Legnago

I primi insediamenti si sono fermati lungo il corso del fiume Adige, grazie anche ai terreni fertili, e risalgono all’Età del Bronzo e del Ferro. Successivamente grazie alle bonifiche dei romani, le campagne circostanti diventarono molto duttili e il paese diventò un punto di riferimento della bassa veronese. Nel corso del X secolo, trasformando il piccolo canale nel corso principale del fiume Adige, e man mano ampliando e irrobustendo anche gli argini, il centro abitato assunse il volto di una vera e propria città fortificata, che ancora oggi è visibili. Ma solo dopo qualche secolo, sotto la Repubblica di Venezia la città riuscì a trasformarsi, consolidando le fortificazioni, che vennero poi distrutte durante la Guerra di Cambrai, e soprattutto ridisegnandola a pianta stellare.

Oggi da visitare troviamo il Duomo di San Martino Vescovo, edificio incompiuto situato in piazza della Libertà, risale all’epoca neoclassica ed è dedicato a San Martino Vescovo. Il Torrione, unico esempio rimasto delle antiche mura che circondavano la città, situato a pochi passi dal Duomo in piazza della Libertà. Un tempo questo simbolo, è stato utilizzato anche con la funzione di prigione. La Chiesa di San Salvaro, situata nella frazione di San Pietro, è di epoca romana e sembrerebbe essere una delle più antiche strutture del veronese. Percorrendo il centro si possono ammirare facilmente cinque leoni in pietra di Michele Sanmicheli, rappresentati secondo la iconografia classica della Repubblica di Venezia, e costudendo tra gli artigli il vangelo secondo San Marco, il quale riporta, “Pax tibi Marce evangelista meus” (Pace a te o Marco, mio evangelista).

Cerchi altro???