fbpx

Santa Maria dei Miracoli

In questo capitolo trattiamo uno degli edifici più eleganti e suggestivi dell’isola di Venezia, la Chiesa di Santa Maria dei Miracoli.

La Chiesa di Santa Maria dei Miracoli è un vero gioiello del rinascimento, nonostante che in quel periodo la tendenza era ancora gotica, rimane un capolavoro unico e da non perdere, nel panorama veneziano. Questa caratteristica chiesa si trova immersa tra le suggestive calli e stretti vicoletti del sestiere di Cannareggio, tra le zone più estese e popolate dell’isola di Venezia. Nel XV secolo si rincorreva un dipinto, perché ritenuto miracoloso dagli abitanti della zona, i quali si affidavano completamente per chiedere molteplici grazie. Da qui l’idea di omaggiare il famoso quadro della Vergine, in una struttura degna dei suoi prodigi.

La chiesa, opera degli architetti toscani Pietro e Tullio Lombardo, viene consacrata il 31 dicembre 1489 per ospitare La Vergine col Bambino di Zanino di Pietro, il dipinto dai poteri miracolosi. Paragonata spesso a uno scrigno, ha la facciata decorata con marmi di vari colori, sculture e bassorilievi. L’interno è a forma rettangolare, completamente rivestito in marmi policromi e coperto da volte a botte, i cui riquadri rappresentano cinquanta profeti e patriarchi.

La balaustra che divide la navata del presbiterio è arricchita con statue di San Francesco, dell’arcangelo Gabriele, dell’Annunziata e di Santa Chiara. Nella cupola troviamo dei pennacchi, che riportano le effigi dei quattro evangelisti, probabilmente anche questa, un’opera di Pietro Lombardo. Considerata una delle chiese più caratteristiche di Venezia, infatti, il rivestimento e la vicinanza del canale le conferiscono un fascino particolare, ed è la chiesa preferita per molti veneziani, in cui amano celebrare le nozze.

Cerchi altro???