fbpx

Nervesa della Battaglia

In questo capitolo trattiamo uno delle città più colpite dalla Grande Guerra, situata lungo il corso del Fiume Piave, Nervesa della Battaglia.

Nervesa della Battaglia è piccolo centro della provincia di Treviso che venne completamente distrutto dall’artiglieria austriaca, tanto da essere considerato l’epicentro di sanguinosi scontri corpo a corpo. Si tratta di una graziosa località situata alle pendici orientali del colle del Montello, non molto lontano dal corso del fiume Piave. Un luogo ideale per trascorrere una giornata serena, lontano dallo stress, immersi nella storia delle grandi guerre, in un territorio che tutela la biodiversità, considerandolo uno dei fattori principali per ottenere esclusivi vini DOCG e ottimi prodotti enogastronomici.

Nervesa della Battaglia

Da visitare troviamo il Sacrario Militare del Montello, di dimensioni notevoli, è uno dei tanti esempi di commemorazione dei caduti della Grande Guerra sorti durante il fascismo. Si tratta, in particolare, di una torre di 25 metri che poggia in un basamento di cemento armato ben visibile anche da lontano. Per entrare è necessario superare la grande scalinata dove sono stati collocati alcuni pezzi di artiglieria risalenti alla Grande Guerra. Al suo interno raccoglie le spoglie di quasi diecimila soldati, che in precedenza erano sepolti in un centinaio di cimiteri disseminati lungo il fronte del fiume Piave.

Sacrario Militare del Montello - Nervesa della Battaglia

Nelle immediate vicinanze troviamo l’abbazia di Sant’Eustachio, un monastero benedettino soppresso nel cinquecento e, attualmente in rovina, sorge in un posto strategico, in posizione sopraelevata e protetta dalla selva. Sempre nei pressi del Sacrario di Nervesa della Battaglia troviamo il Sacello dedicato all’aviatore Francesco Baracca, uno dei personaggi più famosi, medagli d’oro al valor militare durante la Prima Guerra Mondiale, gli vengono attribuite ben 34 vittorie aeree.

Sacello Francesco Baracca - Nervesa della Battaglia

Abbattuto il 19 giugno 1918 durante la Battaglia del Solstizio sul Montello, mentre sparava a bassa quota con il suo aereo. Ancora oggi, ci sono troppi misteri avvolti alla sua morte, la versione italiana sostiene che il Maggiore sia stato ucciso da un colpo sparato da terra, mentre la versione austriaca dichiara dell’abbattimento di Francesco Baracca da parte di un aereo ricognitore austriaco, altri fonti parlano di un suicidio per non cadere nelle mani nemiche.

◊ IL MONTELLO

In questo capitolo parliamo di una collina unica nel suo genere, alta circa 371 metri, situata nel cuore della provincia di Treviso, il Montello.

Dalle attività sportive più facili a quelle più articolate!


 

Dai prodotti tipici del territorio alle ricette caratteristiche!


 

Il tempo ha trasformato, modellato e segnato questa terra!


 

Un territorio ricco di biodiversità e particolarmente fragile!


 

◊ LA PROVINCIA DI TREVISO ◊

Detta anche Marca Trevigiana, è contraddistinta da un territorio prevalentemente pianeggiante e molto sviluppato ma, è anche caratterizzata, da piccoli rilievi a nord ricamati dai famosi vitigni e da il massiccio del Monte Grappa che sorveglia maestoso l’intera zona. E’ un territorio tutto da esplorare e la sua bellezza la si può trovare ovunque: nelle tele dei famosi Giorgione e Tiziano, nelle piste ciclabili del Montello, nelle osterie storiche lungo la via del vino Prosecco ed, infine, nelle spiaggette isolate lungo il corso del fiume Piave. Tra queste terre, ricche di risorse e graziosi borghi, prenderemo in considerazione i famosi prodotti tipici, come i vini, i simboli delle guerre che hanno solcato il territorio e le grandi città che valorizzano la zona.

 

Miglior prezzo garantito