fbpx

Chiesa di San Nicolò

In questo capitolo trattiamo uno degli edifici religiosi più importanti del centro storico di Treviso, alta e imponente è la Chiesa di San Nicolò.

La Chiesa di San Nicolò è un edificio romanico-gotico che risalente al XIII secolo, e si trova nella parte sud-occidentale del centro storico di Treviso, sulle rive del fiume Sile. Un tempo queste zone erano tra le più sviluppate della città, anche se circondate da terre abbandonate e incolte fu proprio qui che i Domenicani scelsero di costruire la chiesa, anche grazie ai cospicui lasciti di frate Nicolò Boccalino, conosciuto come Papa Benedetto XI. La costruzione della chiesa fu segnata da diversi inconvenienti, come la caduta della torre campanaria, che danneggiò parte delle cappelle sottostanti, e la peste, che nel XIV secolo causò la sospensione dei lavori.

Questa chiesa, la più grande della città in quanto supera anche il Duomo, ossia la cattedrale di San Pietro Apostolo, è caratterizzata da forme semplici, massicce ed eleganti, tutte proiettate verso l’alto, con finestre snelle e molto alte fra nervature sottili, dove entra una luce temperata dalle antiche vetrate. Lo stile gotico del suo interno è impreziosito da numerosi affreschi e arazzi, si presenta a croce latina suddivisa in tre navate.

Tra le pareti di questa costruzione cosi grandiosa ciò che maggiormente colpisce sono il Ciclo dei Domenicani di Tommaso da Modena del 1352, dove ogni religioso è rappresentato con uno stile piuttosto realistico e inquadrato all’interno di una propria nicchia. In particolare, tra tutti, spicca il cardinale Ugo da Provenza ritratto con un paio di occhiali, tanto che, si narra sia la prima comparsa in un dipinto della storia dell’arte italiana di questo oggetto. Sulla navata di destra, in posizione sopraelevata, si trova il grande organo di Gaetano Callido, affiancato da un grande affresco di San Cristoforo, alto fin quasi le travature di legno usate per la copertura.

Cerchi altro???