fbpx

Palazzo della Ragione

In questo capitolo trattiamo uno degli edifici più spettacolari e sorprendenti al mondo, si tratta del Palazzo della Ragione.

Palazzo della Ragione, o anche chiamato “Salone” per i padovani, fu edificato nel XIII secolo e venne utilizzato fino al declino della Repubblica di Venezia, nel 1797, come Tribunale cittadino. Si trova tra Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta, nel cuore di Padova, ed è caratterizzato da una forma trapezoidale e da una particolare copertura a forma di carena di nave rovesciata, progettata da Giovanni degli Eremitani.

Palazzo della Ragione

Nel primo decennio del XIV secolo, viene assegnato il compito di decorare le pareti del grande salone al famoso pittore Giotto, il meraviglioso ciclo di affreschi però fu distrutto dall’incendio che nel 1420 mandò in cenere l’archivio dei Carraresi. Nel Salone è preservata la Pietra del Vituperio, su cui i debitori incapaci di pagare i propri debiti, erano obbligati a battere per tre volte le natiche dopo essersi spogliati, una consuetudine che è all’origine dell’espressione restar in braghe de tea.    

Palazzo della Ragione

Lungo la loggia, aperta al piano terra, troviamo numerose botteghe e bar tipici veneti, che vendono ai passanti una vasta gamma di prodotti tipici e ai più golosi ombre e cicchetti caratteristici del territorio. Al piano superiore, troviamo la più grande sala pensile al mondo le cui misure sono: 81 metri di lunghezza, 27 di larghezza e un’altezza pari a 27 metri. Al suo interno si può ammirare uno straordinario ciclo di affreschi su tre fasce sovrapposte, circa 217, che decorano le pareti con dipinti dedicati all’astrologia, risalenti al XV secolo.

Palazzo della Ragione

Sono divisi in dodici comparti, corrispondenti ai mesi. In ogni comparto ritroviamo raffigurato il segno zodiacale, l’apostolo, il pianeta, l’allegoria del mese, le professioni tipiche e le costellazioni. Tutto intorno vengono rappresentati i caratteri delle persone indicati dalle influenze astrali e a loro volta, collegate dalla data di nascita e dall’ascendente. Nella parte inferiore vengono riprodotte le insigne dei giudici, simboleggiate da animali, tra cui si associano le virtù cardinali e le virtù teologali. Da un lato del salone troviamo una copia del maestoso cavallo del monumento di Gattamelata di Donatello.

Palazzo della Ragione

Cerchi altro???