fbpx

Alpago

In questo capitolo trattiamo il magnifico territorio dell’Alpago, a partire dai vari comuni, al Lago di Santa Croce fino alla Foresta del Cansiglio.

Uscendo dalla Valbelluna e passando attraverso la città di Belluno arriviamo ad Alpago, uno scrigno naturale circondato dalle Prealpi Bellunesi, una regione storco geografica intatta, con i suoi fitti boschi, le verdi colline, piccoli borghi e i pendii che si riflettono sul Lago di Santa Croce. Per i bellunesi la zona d’Alpago è come se fosse il giardino di casa, in quanto è facile da raggiungere per una gita veloce, per rilassarsi in riva al lago e per praticare qualche attività sportiva all’aria aperta.

I primi insediamenti risalgono all’età del ferro, anche se si suppone che non fossero stati stabili, ma fu sicuramente abitato, in epoca presomana, dai paleoveneti, come gli Illiri, un insieme di popoli stanziati nell’antichità nella penisola balcanica, e i Celti Norici, popolazioni provenienti dalla regione storica romana corrispondente all’attuale Austria. In epoca Romana fece parte del territorio di Bellunum, al tempo municipium della Venetia et Histria, ma è sempre stato un luogo di passaggio, probabilmente perché fu al lungo un’area inospitale e selvaggio.

Il vero gioiello di questa zona è il Lago di Santa Croce, incastonato in una conca soleggiata tra le montagne bellunesi, è il luogo perfetto anche per passare una giornata tranquilla con la famiglia sul prato all’inglese della sua riva settentrionale che grazie al vento pomeridiano che soffia da sud verso nord, porta refrigerio nelle giornate estive e metà ideale per gli amanti dello sport o delle attività all’aperto. Si tratta di un lago naturale della provincia di Belluno, anche se il suo bacino è stato ampliato artificialmente negli anni trenta.

I graziosi paesi lungo le rive conservano ancora oggi le tipiche architetture di case a gradoni, con la classica copertura in lastre di pietra, paglia e cannette palustri. Sulle sponde del lago di Santa Croce troviamo l’Oasi di Sbarai, un importante sito naturalistico di oltre 30 ettari, che si caratterizza per gli ambienti diversi, legati alla variazione di livello delle acque. Un habitat naturale che protegge molte specie di uccelli, ideale per semplici passeggiate o per il Birdwatching, raggiungibile attraverso un sentiero pianeggiante dalla località di Alpago.

A cavallo tra la provincia di Belluno, Treviso e Pordenone troviamo il Bosco del Cansiglio, una riserva naturale protetta al cui fascino è impossibile resistere. La bellezza della sua foresta è fortemente caratterizzata dai faggi, che variano in splendidi colori con il mutare delle stagioni e offrono rifugio a molte specie animali visto che, l’area è bandita da tempo alla caccia. Si tratta dell’antica Foresta dei Dogi di Venezia, i quali avevano la necessità di conservare foreste produttive e efficienti, che servivano a fornire il legname all’Arsenale. La Serenissima preservava ogni albero dei suoi possedimenti, dedicandogli particolari attenzioni, investendo risorse sulla selvicoltura e migliorando i sistemi di gestione forestale, molti di questi sono ancora in funzione oggi.

Il Bosco del Cansiglio fornì per quasi tre secoli i fusti di faggio con i quali costruivano i lunghi remi delle galee, le famose navi veneziane. La necessità di legname della Repubblica di Venezia era immensa, servivano per consolidare i danni delle mareggiate, per le fondamenta della città, per la costruzione delle navi, per i fuochi delle vetrerie, per il riscaldamento e così via. La strategia della Serenissima era di trasportare lungo il fiume Piave le conifere provenienti dal Cadore, nel fiume Brenta venivano calati gli abeti dell’Altopiano dei Sette Comuni, il fiume Bacchiglione portava a Chioggia il legname della pianura vicentina, e attraverso il fiume Adige quelli della Lessinia e delle alte terre veronesi. Insomma, una fitta rete di canali per lo sviluppo e la crescita di una delle città più straordinarie della storia.

Cerchi altro???

Spazio Pubblicitario Disponibile

La più ampia scelta di hotel, appartamenti e case vacanze

Qualunque tipo di viaggio tu voglia fare, con noi avrai sempre il prezzo più basso garantito. Scopri le nostre 2.298.359 strutture in oltre 85.000 destinazioni.

Miglior prezzo garantito